SCOLOPENDRIUM

ORIGINALI

Scolopendrium elisir

Elisir regolarizzante della funzione epatica e del metabolismo.

L’elisir del riequilibrio

Nei testi del dottor Wighard Strehlow, allievo del dottor Gottfried Hertzka si legge che l’elisir allo scolopendrio è adatto non solo per fegato, visceri e polmoni fortemente danneggiati e intossicati, ma anche per le disfunzioni a livello di ovaie ed in generale per il disequilibrio ormonale.

Scolopendrium elisir è utile anche per sostenere la funzionalità del pancreas. Gli ormoni sono i messaggeri del nostro organismo e fanno da tramite tra la nostra vita fisica e quella emotiva. Il disequilibrio ormonale è dunque un indice di forme croniche di disallineamento tra corpo e psiche.

Nome

L’Asplenium Scolopendrium, chiamato anche “lingua cervina”, è una tipologia di felce con foglie lisce a forma di lingua. Tipica dei terreni calcarei e presente in gole e fessure di foreste montane ad alto tasso di umidità si trova frequentemente in Europa, soprattutto in Bulgaria. Tali piante sono sempreverdi ed hanno una crescita eretta e imbutiforme. Possono raggiungere fino a 50 cm di altezza.

Descrizione

L’Asplenium scolopendrium, sin dall’antichità, è stato utilizzato per il trattamento di ferite, sanguinamento, mialgia, malesseri polmonari, malattie del fegato e della milza, infiammazioni delle gengive, disturbi del sistema urogenitale e come lieve lassativo, diuretico, astringente, diaforetico e tonico. Ildegarda definisce questa specie di felce come “calda”, ed utile per il fegato, per i polmoni e per le viscere malate. 

La scienza medievale delle piante officinali collega spesso l’azione delle felci alla milza ritenuta l’organo che controlla i ritmi dell’organismo.
Per padroneggiare i ritmi è necessario regolarizzare le funzioni digestive e di assimilazione. Scolopendrium elisir, grazie  anche all’associazione con pepe e cannella, regolarizza il metabolismo.

Nello Scolopendrium elisir, pepe e cannella hanno inoltre un’importante azione antiossidante, antinfiammatoria e antisettica. La cannella regolarizza il ciclo mestruale  mentre il piper longum migliora la produzione di sperma ed ovociti e ha un’azione antiasmatica e antiallergica.

L’elisir allo scolopendrio risulta dunque uno stabilizzatore del ritmo che agisce sulla funzionalità metabolica attraverso un riequilibrio ormonale. 

Per la sua azione così importante sul sistema metabolico ed endocrino, lo scolopendrio risulta essere particolarmente adatto in forme di astenia profonda generate da un “ malessere profondo e non ben definito”.

Costituito da bioattivi, acidi fenolici e flavonoidi, lo scolopendrio  potrebbe rappresentare una fonte di sostanze bioattive utili per la cura del cancro e delle malattie infettive (Petkov, V., Batsalova, T., Stoyanov, P., Mladenova, T., Kolchakova, D., Argirova, M., Raycheva, T., Dzhambazov, B. Selective Anticancer Properties, Proapoptotic and Antibacterial Potential of Three Asplenium Species. Plants 2021, 10, 1053 Academic Editors: Laura Cornara and Antonella Smeriglio).

È stato dimostrato che i suoi estratti hanno un effetto inibitorio selettivo contro una linea cellulare di
cancro cervicale ed una bassa citotossicità sulle cellule umane e murine non cancerose.

Indicazioni

  • Regolatore della funzione epatica  
  • Regolatore tratto intestinale
  • Antiossidante
  • Lassativo
  • Diuretico
  • Diaforetico
  • Bechico
  • Diuretico
  • Emolliente
  • Espettorante 
  • Galattofugo
  • Vulnerario
  • Tonico
Thesaura Naturae Ildegarda Ricette Originali Scolopendrium Elisir
Formati

• 100ml

Ingredienti

Vite (Vitis Vinifera L.), succo dei frutti freschi, succo d’uva, Alcol, Miele. Soluzione idroalcolica (alcool, acqua, parte di pianta fresca 33%) di felce scolopendra (Asplenium scolopendrium var. americanum (Fernald) Kertesz & Gandhi) parte aerea fresca. Soluzioni idroalcoliche (alcool, acqua, parte di pianta secca 20%) di: cannella (Cinnamomum Verum J. Presl), corteccia, pepe lungo (Piper longum L.) frutto.

Posologia

1 Cucchiaino da caffè pari a 3 ml una/due volte al giorno mezz’ora prima dei pasti principali.

Condividi il benessere

Dice Ildegarda

Thesaura Naturae Dice Ildegarda Binden

Si beva spesso a digiuno e dopo aver mangiato : fa bene al fegato, purga i polmoni, guarisce le viscere malate, elimina la putredine e il muco interno. Ma se un uomo diviene fortemente e improvvisamente debole a causa di un dolore interno di qualsiasi genere, ne beva subito e starà meglio.

- da Physica der HIldegard von Bingen