Vino a prezzemolo e miele, una coccola che fa bene al cuore

Vino a prezzemolo e miele, una coccola che fa bene al cuore

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Una ricetta semplice quanto efficace che si tramanda dal medioevo e fa bene al cuore. Il vino a prezzemolo e miele di cui parla Santa Ildegarda nei suoi scritti è un trattamento ideale quando si verificano dolori al petto di carattere nervoso, ossia quando i nervi e l’anima si fanno annunciare dal cuore, come nel caso della discardia.

Diceva la badessa di Bingen: “Chi ha dolori al cuore o alla milza, faccia cuocere del prezzemolo nel vino, aggiungendo un po’ di aceto e abbastanza miele, poi filtri tutto con un telo, e ne beva spesso. In questo modo guarirà”

Come si prepara?

Si prendono da 8 a 10 foglie di prezzemolo con stelo e si fanno cuocere con due cucchiai da tavola di aceto di vino in un litro di vino naturale, per 5 minuti. 

Si aggiungono poi dai 100 ai 150 g di miele (per i diabetici 80 g) e si cuoce il tutto ancora per due minuti. Dal momento che schiuma va filtrato in una bottiglia sterile. È possibile usare sia il vino bianco che rosso, a patto che sia naturale. Giacché il vino bianco è stimolante rispetto al rosso, che è più tranquillizzante, per il suo tannino, è più gradito da stomaco ed intestino.

Bevendone un bicchiere da liquore al giorno, o qualora si soffrisse di insonnia o stanchezza mezza tazza la sera, a sorsi, i dolori e le fitte al cuore scompaiono. Questo vino è utile anche per la riabilitazione da un infarto cardiaco. In questo caso si può bere 3 volte al giorno, sempre in un bicchierino da liquore. Dopo 3 o 6 mesi, si può ridurre la dose quotidiana a un bicchiere da liquore al giorno.

Thesaura Naturae